Illegal immigrants vs refugees

That’s the point and the question, after having considered that we are talking about human beeings and not about stones.

Who has the right to be hosted and helped an who not? Who is a problem and who not?

Or maybe the true question is: is our society still enough strong to be able to receive people in need without living in fear or hate?

This question is popping up in my mind after an  immigrants and hosting issue discussed today in my community/village. We, as community, are getting ready to host 6 refugees  in the church house. Of course there’s somebody that don’t agree on this. However what’s astonished me were the  tons of prejudices, narrowminded hypocrisy and fear driven by media, that came out from some people that doesn’t want to see what’s (and why) happening in the world.

 

Thanks to an Approach of the issue with a low-level political debate, use of religious beliefs when “needed” or just a frame of the facts, as in a bad use of rhetoric, today I had the proof that, really, bad media service is dangering people minds and society.

We should drive “problems” and find solitions with the mind, not with guts, use them to go to toilet. Then, if it happens that you are also a religious person… well this could be the moment to show it.

—–

Questo è il punto e la questione, dopo aver considerato che stiamo parlando di esseri umani e non di pietre.

Chi ha il diritto di essere ospitato e aiutato e che no? Chi è un problema e chi no?
O forse la vera domanda è: è la nostra società ancora abbastanza forte per essere in grado di ricevere le persone bisognose senza vivere nella paura o nell’odio?
Questa domanda è spuntando nella mia mente dopo una  discussione su immigrati e di accoglienza discussa oggi nel mio paese. Noi, come comunità, ci stiamo preparando a ospitare 6 rifugiati nella casa della chiesa. Naturalmente c’è qualcuno che non è d’accordo su questo. Tuttavia ciò che mi ha stupito erano le tonnellate di pregiudizi, l’ipocrisia e la paura di bassa lega, “teleguidata”dai media, che è emersa da alcune persone che non vogliono vedere ciò che sta (e perché) accadendo nel mondo.
Grazie ad un approccio del problema con un dibattito politico di basso livello, l’uso di credenze religiose quando “necessario” o solo una parte dei fatti, come in un cattivo uso della retorica, oggi ho avuto la prova che, in realtà, un pessimo svolgimento delle attività da parte dei media danneggia la mente delle persone e della società.
Dobbiamo guidare i “problemi” e trovare soluzioni con la mente, non con la pancia, quella la si usa per andare alla toilette. Poi, se succede che sei anche una persona religiosa … beh questo potrebbe essere il momento di dimostrarlo.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: