GIORNO 8

25 luglio 2011 – Mansilla de las mulas > Leòn (18 km)

Anche oggi è stata una tappa corta rispetto al solito. Sono partito alle 06:15 ed arrivato alle 10:30 con estrema tranquillità e nemmeno molto stanco. Tuttavia c’è una differenza rispetto ai giorni passati perché oggi, per la prima volta dall’inizio del cammino, ho fatto l’intero tratto assieme ad un’altra persona; come d’accordo, infatti, sono partito da Mansilla insieme alla ragazza di Verona mentre le altre due studentesse sono partite dopo di noi.

È certamente stata una camminata diversa ed interessante avendo avuto modo di chiacchierare per tutto il tragitto. Diversa perché in questo modo non si è concentrati sui propri pensieri; interessante perché in questo modo hai l’occasione di conoscere sempre nuove persone.

Leòn

Leòn … casi.

Le due studentesse sono partite lo stesso mio giorno da Burgos ma non ci siamo incontrati fino a ieri; pur avendo fatto lo stesso percorso abbiamo sempre fatto tappe diverse, anche se di poco. Strano il cammino, com’è strana anche la vita.

Oggi, ad esempio, all’Albergue del pellegrino di Leòn ho nuovamente incontrato Pablo, lasciato a Terradillo de los Templarios. La cosa strana ed interessante è che nessuno di noi si è dato appuntamento in un luogo piuttosto che in un altro, eppure a volte ci si ritrova.
Uno dei motivi della tappa corta di oggi è che così avrò più tempo da spendere per vedere la città e poi perché da domani prevedo inizino tappe non semplici con la necessità di preparare le tappe dopo Astorga (dopo domani) perché gira voce (la solita voce incontrollata) che le quattro tappe successive ad Astorga siano tra le più dure trovandosi in montagna e forse con un clima non ottimale.

Haciendo cola

Haciendo cola para el albergue

Per oggi godiamoci questa bella giornata a Leòn. Certo non oltre le 21:30 in quanto l’Albergue si trova in un convento di suore benedettine e certi orari vanno rispettati, per non dover dormire fuori. L’Albergue non è male ma penso potrebbe essere meglio; lungo il cammino ne ho trovati di migliori. Tuttavia considerando che si tratta di un importo donativo, a caval donato non si guarda in bocca.
La tappa di domani è San Martin del Cammino, oppure prendere il percorso alternativo per Villadangos del Pàramo? Vedremo domani. Ormai è diventato quasi un mantra, l’importante è avere chiaro in mente l’obiettivo finale, Santiago de Compostela.

Sono arrivato a Leòn proprio nel giorno della festa di San Giacomo Apostolo. Si festeggia il Santo e per ogni paese sul quale passa il cammino è un giorno festivo, dunque quasi tutte le attività commerciali sono chiuse. Ritrovarmi in cammino, al mio primo terzo del viaggio, nel giorno di San Giacomo, al compimento della 1° settimana di viaggio mi fa una strana sensazione. Sinceramente non avrei mai pensato di poter giungere fino a qui in una settimana. Ovviamente non canto vittoria, la strada è ancora lunga ed ho già visto persone con problemi di tutti i tipi che comunque non si sono arrese. È un impegno fisico e mentale, ma ogni pellegrino ha una sua motivazione per andare avanti.

Catedràl

Catedràl de Leòn

Il pomeriggio si è svolto tranquillamente, senza eventi caratteristici. Ho visitato il centro storico e la cattedrale (giusto per fasi ancora alcuni kilometri visto il lassismo odierno) e la sera sono andato a cena con la ragazza di Verona e le altre due studentesse. Il coprifuoco del rientro è scattato alle 21:30 (orario Benedettino) e da poco sono a letto, in una camerata grande, con almeno altre 50 persone. Le probabilità di trovare alcuni esperti solisti del russare è elevata… meglio prendere sonno.

Giorno 7 | Giorno 9

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: